martedì 14 febbraio 2017

"Il partigiano bambino", la storia di Gildo Moncada in un libro

Un bambino ferito, avvolto da bende, in un letto d’ospedale. Una foto in bianco e nero di un quadro. È la copertina del nuovo libro di Raimondo Moncada, interamente dedicato al padre Gildo, partigiano, grafico, pittore, morto venti anni fa.

La copertina è stata svelata su Facebook da Gaetano Alessi, del gruppo editoriale di Ad Est, operante da anni in Emilia Romagna, che a breve pubblicherà l’opera che ha per titolo “Il partigiano bambino – la storia di Gildo Moncada”.

Nelle pagine del libro, spiega in poche parole Raimondo Moncada, “ho condensato una vita, tante vite: una famiglia disintegrata dalla guerra. Gli slanci ideali, le aspirazioni artistiche, i patimenti. Una storia che voleva essere raccontata e si è servita di me perché ne faccio parte. Grazie a chi l'ha abbracciata”.

Il progetto grafico è di Claudia Casamenti. Il libro si avvale della prefazione dello scrittore ed editorialista Giulio Cavalli.

“E’ un libro – scrive Gaetano Alessi – che Raimondo Moncada ha voluto dedicare alla storia del padre partigiano. Ma è anche un viaggio straordinario non solo di un giovane uomo (che tale resterà tutta la vita) ma di una generazione che ha saputo suturare le ferite della guerra con la passione e la militanza. Questo libro meritava ben altro editore, meritava il meglio perché è un omaggio a chi ha messo la propria vita al servizio degli altri, meritava di più di questi piccoli e inadeguati uomini che si rivedono nel giornale delle stella solitaria chiamato AdEst. Ma noi ci abbiamo messo tutto quello che avevamo. Per noi Gildo è stato un compagno di strada, come Vittoria Giunti da cui tutto è cominciato”.


Si annunciano già le prime presentazioni del libro. Le primissime saranno in Emilia Romagna a fine marzo. Ne seguiranno altre, ad aprile, in Sicilia e ad Agrigento, città d'origine di Gildo Moncada. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...